La crisi di Giorgio

Un Racconto di Maya


La testimonianza che vi sto per raccontare , se siete puritani vi consiglio di non leggerla, di evitarla, potrebbe scioccarvi……figuratevi scioccò anche me che non lo sono per niente, comunque non voglio anticiparvi altro se ve la sentite leggetela.
 
 
Come al solito squilla il telefono, io rispondo: “ciao in che cosa posso esserti utile?” e dall’altra parte un uomo si presenta: “Ciao sono Giorgio, ho 45 anni sono di Venezia.” 
Io: “Piacere Giorgio
 
Giorgio mi disse: “Mi faresti le carte velocemente, ho poco tempo.” 

Allora mischiai il mazzo come solitamente faccio, quando se la sentiva gli chiesi di dirmi basta e le disposi sul mio solito tappetino rosso le girai e rabbrividii dalla punta dei capelli all’unghia del piede.
Premetto: lui non mi aveva raccontato nulla e vidi che si era separato dalla moglie dalla quale aveva avuto un bimbo e viveva già con un altro uomo e glielo dissi.
Lui rimase sconvolto e mi disse: “Si Maya è cosi!
Poi aggiunse: “Vorrei che tornassimo una famiglia felice come lo eravamo all’epoca e che quest’uomo bruciasse vivo!”
Io rimasi sconvolta e gli dissi: “Bruciasse vivo? non esagerare” 
E iniziò a raccontarmi che con l’inganno se l’era portata via dipingendolo come una delle persone più orribili del mondo.
Io gli chiesi: “Perché questo? Se lei ti avesse amato non gli avrebbe creduto, cosa è successo Giorgio? Non me la racconti giusta……Inizio a percepire puzza di bruciato“. Lui mi disse che non se la sentiva per ora di raccontarmi la storia e io gli dissi che non c’era bisogno che me la raccontasse: “Consultiamo le sibille” 
Lui intimorito mi disse: “Non adesso, non ho tempo, devo chiudere ti chiamo appena ho un pò più di tempo.” Io risposi ok, ma percepii che era una scusa, Giorgio l’aveva fatta grossa.
 
Tanto che, non passarono neanche 5 ore e mi richiamò: “Ok io posso raccontarti, ma ti prego cerca di comprendermi e non giudicarmi, sono stato massacrato psicologicamente da lei e da me stesso.
Io gli risposi: “Io non sono qui per giudicare nessuno, ne massacrare psicologicamente nessuno!”
  Rimase in silenzio un attimo poi mi disse: “Ok è la prima volta che lo racconto a una cartomante e che mi faccio fare le carte, è un pò difficile per me.
Io: “Dai Giorgio sputa il rospo!  Ok dai Giorgio, sono qui appositamente per ascoltarti.
Allora iniziò a raccontare…… preparatevi……. sconvolgente quello che state per leggere, siete liberi di non proseguire nella lettura…
 
Iniziò dicendo: “Eravamo una famiglia felice, non ci mancava nulla: una splendida casa, buon lavoro, amore e compatibilità sessuale eccellente; poi iniziammo a girare nel mondo delle chat per divertimento quasi tutte le sere. E salì ad entrambi la voglia e la curiosità di esperienze nuove… E fin li eravamo in sintonia, conoscemmo diverse coppie, con le quali abbiamo avuto rapporti sessuali, ma con molta tranquillità .e con le quali spesso succedeva anche solo d’incontrarsi a cena e farsi solo due chiacchiere senza sesso 
Eravamo presi dalla perversione entrambi e ciò ci piaceva molto.

Io rimasi sempre in silenzio anche se…., ma se solo avessi parlato si sarebbe bloccato.
Prosegui raccontandomi che si era anche reso conto che a lei piacevano molto le donne e quindi spesso lei andava con donne e lui guardava senza partecipare, ma nessuno dei due aveva problemi, anzi mi racconto che la loro unione si era rafforzata e la loro sessualità aumentata .
Lo fermai e gli dissi:”Ok Giorgio, io non sono bigotta e di cose simili ne ho sentito parlare siamo nel 2018 tutto è possibile, l’importante è che lo facevate entrambi convinti.
Lui rispose: “Si ti assicuro…tanto che lei, le sue donne partiva e andava a trovarle anche da sola,  quindi non le ho mai imposto nulla.” 
Ah ok. Adesso ti chiedo la gentilezza Giorgio, di non raccontarmi più nulla voglio girare i tarocchi e vedere cosa è accaduto, perché sai io sento la tua campana, ma non ho la possibilità di sentire l’altra; mi spiego meglio, questo è ciò che mi racconti tu non la tua ex moglie, ok?” Lui: ” ok“.
 
Iniziai a mischiare il mazzo, poi gli chiesi come al solito di dirmi basta e le disposi a piramide, iniziai a girarle e presa dalla rabbia gli dissi : “Giorgio, ma qui siete caduti nella tela del ragno” e lui: “Cioè?” – “Avete azzardato troppo” e lui: “Come?” .

Io gli risposi: “Non so esattamente, ma quest’uomo di cui tu parlavi all’inizio, che avresti voluto  bruciare, ve lo siete andati a cercare voi o meglio tu.
Lui agghiacciato non parlava: “Si è vero decisi di cercare un singolo, volevo guardarla mentre faceva sesso con un altro uomo e volevo che lui diventasse una sorta di amante, mi capisci?” Ed io: “Si, ma a che scopo Giorgio?” e lui: “Eravamo troppo presi ormai dai nostri giochetti che non ne potevamo più fare a meno.” 
Alt Giorgio, le carte mi dicono che lei è entrata in crisi e ti ha chiesto di fermare un attimo questi giochini, ma tu non sei riuscito tanto che quest’uomo lo hai trovato tu in chat
Vero, mi confesso, ma caspita come sei tremenda!
Giorgio ti sei distrutto con le tue stesse mani.
Lui: “Si è vero!
Allora, adesso raccontami di quest’uomo Giorgio.
Ok. Si è vero l’ ho trovato io e gliel’ ho fatto trovare una sera a cena in casa, ma premetto a lui avevo detto di andarci con molta cautela che per lei era un periodo un pò di confusione e lui mi disse tranquillo, sono esperto in queste cose ..Ci divertiamo e basta. Io gli rammentai più volte, mi raccomando  lui non preoccuparti sarò molto galante ed educato vedrai si sentirà a suo agio.

Io continuai a  lasciarlo parlare. “Ma allora ci frequentammo per tre mesi con quest’uomo e man mano che lo si frequentava, lei cambiava di giorno in giorno e io non capivo. Poi  eravamo sempre tutti e tre insieme non l’avevo mai lasciata da sola con lui e sentivo che lei si allontanava da me sempre di più, ma non capivo.”

Li lo interrompi e gli dissi: “Chi troppo stroppia… Non hai ancora capito che lui gli ha fatto il lavaggio del cervello l’ ha fatta innamorare e gli ha fatto capire che tutti i giochini che facevate insieme non erano altro che la mancanza di stimoli,che non avevate più…
Lui mi rispose: “Si lo avevo immaginato, ma sai Maya io gli ho spaccato la faccia a questo, sono andato sotto casa in cui loro vivono insieme e gli ho spaccato la faccia.
Bravo Giorgio complimenti e che cosa  hai risolto?
Nulla, una denuncia.
Io: “Be era inevitabile
E mi hanno tolto anche il porto d’armi.”
Ci credo!
Allora Giorgio, se vuoi sapere se lei torna da te ti rispondo subito no, lasciala stare. Mettiti il cuore in pace e cerca di ricostruirti un’altra vita con un ‘altra donna, stando molto attento e lascia perdere il mondo delle chat.
 
Giorgio mi rispose: “No io la rivoglio e me la riprenderò.

 Io gli risposi: “Impossibile ! Ti chiedo la cortesia di non chiamarmi più e chiusi la conversazione“.
 
 
Penso che nella vita si possono provare molte cose, ma non cadere in deviazioni…